admin/ Luglio 24, 2019/ Senza categoria/ 0 comments

Botox a tutte le età?

La risposta è si: prevenzione dai 25 ai 35, cura dai 35 ai 60 e mantenimento dai 60 in avanti per rallentare lo scorrere del tempo sui nostri volti!

Le zone di elezione sono principalmente la fronte per contrastare le rughe del pensatore, il contorno occhi per le cosiddette zampe di gallina e la regione della bocca per il famigerato codice a barre.

La storia del Botulino è una storia di record: è il veleno più potente per l’uomo e allo stesso tempo il trattamento estetico di maggior successo al mondo. Un solo grammo della sua tossina può uccidere più di un milione di persone, ma l’azienda che ne ha fatto un prodotto anti rughe è stata appena venduta per la bellezza di 63 miliardi di dollari.

Come agisce? Blocca momentaneamente ed in maniera reversibile la contrazione muscolare sottostante la nostra pelle che mano a mano si distende diventando liscia e luminosa. Il botulino con la sua duplice azione non solo corregge i solchi piu profondi di uno sguardo o di un sorriso reso stanco dal volgere del tempo ma previene anche nuovi segni quando viene iniettato più superficialmente con la tecnica del microbotulino.

Botulino nel trattamento del collo?

Ottimi risultati si ottengono anche nel trattamento del collo perché bisogna perseguire un risultato uniforme e credibile, ragione per cui non avrebbe senso intervenire solo sul terzo superiore del viso trascurando quello inferiore.
E’ il caso del “Nefertiti lift” così chiamato per ricordare il bellissimo profilo mandibolare e cervicale della regina d’Egitto Nefertiti. Sia nelle donne che negli uomini l’invecchiamento del collo si manifesta con la comparsa di “corde” verticali che decorrono per tutta la lunghezza del collo, le cosiddette bande platismatiche che insieme al cedimento dei tessuti a livello del contorno mandibolare conferiscono un aspetto stanco e trascurato sia del viso che del collo.

Le reazioni più comuni

Molte persone pensano agli effetti “collaterali” (volti dall’espressione impaurita,  sguardi mefistofelici, sopracciglia franate) ma in questi casi il responsabile non è il botulino ma l’uso improprio che ne viene fatto per la scarsa esperienza, incapacità o banalmente il cattivo gusto estetico del professionista.

Come in tutti i trattamenti estetici. nel trattamento con botulino è fondamentale la capacità e la competenza del medico che lo esegue!

Se invece la preoccupazione è ” mi rimarranno dei segni dopo il trattamento?” oppure”posso tornare subito a lavoro?” la risposta è molto semplice: subito dopo il trattamento si può ritornare alla quotidianità lavorativa e/o sociale senza che nessuno si accorga di nulla!

Dunque, botulino a tutte le età, ma solo presso professionisti seri, sicuri e affidabili!

Share this Post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami