admin/ Settembre 12, 2019/ Senza categoria/ 0 comments

Forse non tutti sanno che:
al rientro dalle vacanze, l’acqua ed il sole del mare, al pari di quello della montagna hanno lasciato profondi segni sulla nostra pelle che nonostante sia abbronzata ed apparentemente piacevole, è tuttavia disidratata e dunque poco luminosa!

Tornati a casa la maggior parte di noi per mantenere più a lungo il colore ambrato ricorre magari alle sedute con le lampade solari che, ahimè, non fanno altro che peggiorare l’invecchiamento cutaneo.

Ed allora che fare per riportare la pelle ad un giusto equilibrio di luminosità e benessere, mantenendo in vigore la perfetta tintarella estiva?
Innanzitutto è categorico continuare ad idratarla, e non solo con le creme idratanti, ma anche dando nutrimento dall’interno attraverso la biorivitalizzazione e la biorigenerazione dermica con l’apporto di agenti antiossidanti, vitaminici ed acido ialuronico (biorivitalizzazione). Indicatissima anche la rigenerazione di nuove cellule cutanee grazie ai fattori di crescita contenuti nel nostro sangue ed estrapolati per essere re iniettati nel nostro derma (biorigenerazione con la metodica del P.R.P. o “plasma ricco di piastrine”)

Il consiglio è quello di sottoporsi ad un programma di 3 sedute a cadenza trisettimanale di micro-iniezioni dermiche intervallate da una seduta di P.R.P. cutaneo: il risultato è che sin da dopo le prime sedute la pelle si evidenzia più compatta e lucente e la tintarella acquisita durante le vacanze estive durerà molto più a lungo senza i consueti segni di micro-rugosità della pelle, indici di profonda disidratazione cutanea .

Tutte le zone sottoposte al foto aging possono godere del beneficio biorivitalizzante della metodica, dal viso al decolleté, dal dorso delle mani a tutte le parti del nostro corpo la cui pelle risulta opaca e “raggrinzita”.

Share this Post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami