Le mani sono un biglietto da visita importante della nostra persona e spesso tradiscono impietosamente l’età. La pelle del dorso delle mani, delicata e costantemente esposta ai fattori climatici, ai detersivi e detergenti utilizzati, è soggetta anche ai numerosi cambiamenti dovuti all’ invecchiamento che peggiora ulteriormente la condizione di fragilità della pelle con la perdita di tono ed elasticità. L’assottigliamento della pelle rende più visibili le strutture sottostanti quali le vene ed i tendini ed il crono-aging favorisce la comparsa delle tipiche macchie scure e lentigginose. Migliorare l’aspetto delle mani si può e la medicina estetica mette al nostro servizio le tecniche più adeguate per ogni paziente.

L’esfoliazione cutanea

Procedura medica di tipo ambulatoriale che consente di ottenere un ringiovanimento cutaneo attraverso il rinnovamento cellulare dopo l’esfoliazione degli strati cutanei più superficiali tramite il peeling. Il trattamento ha una durata di 15 minuti e prevede l’utilizzo di acidi quali l’ac.salicilico, piruvico, mandelico e tricoloroacetico.(effettuare LINK con la sezione peelings). Il ringiovanimento cellulare è garantito dalla stimolazione della produzione di elastina che migliora il turgore delle mani, mentre il rinnovamento cellulare tramite l’esfoliazione ne dona un aspetto luminoso ed uniforme.

Biorivitalizzazione

La tecnica in esame prevede l’inoculo locale di sostanze, totalmente riassorbibili e non tossiche, in grado di favorire la rigenerazione cutanea, come aminoacidi, vitamine (A-E), rivitalizzanti a base di acido ialuronico a bassa concentrazione, estratti placentari e PDRN.(polidesossiribonucleotidi).

Queste sostanze vengono iniettate, principalmente, con due tecniche. La tecnica lineare retrograda viene sfruttata prevalentemente per trattare le rughe lineari, mentre quella a micro ponfi è utilizzata per donare tono ed elasticità ad aree cutanee meno definite.

Le sostanze iniettate stimolano la produzione di elastina e di altre sostanze, prodotte autonomamente dalle cellule, in grado di rinnovare e ringiovanire la pelle delle mani.

I derma filler

L’utilizzo di sostanze dalla consistenza di un gel visco-elastico biocompatibile che si integra perfettamente con i nostri tessuti, ed è in grado di donare al tessuto della mano un nuovo turgore, pienezza ed una rinnovata tonicità. Normalmente i filler utilizzati, e a questo scopo iniettati nella superficie cutanea della mano, sono a base di acido ialuronico a lunga durata o di collagene. Queste sono sostanze che, dopo un po’ di tempo, vengono riassorbite, senza provocare danni, dal tessuto stesso.

Per una bioristrutturazione cutanea viene utilizzato anche l’acido Polilattico (Sculptra TM) accuratamente ricostituito a concentrazioni assai diluite onde evitare la formazione di micro noduli di collagene.

Per una biorigenerazione cutanea del dorso delle mani viene efficacemente utilizzato il preparato piastrinico autologo secondo la tecnica del PRP.