Nel management delle rughe del volto vi sono diverse metodiche di trattamento a seconda della sede della ruga e delle aspettative del paziente

Per gli inestetismi del terzo medio e del terzo inferiore del volto si procede con l’utilizzo di sostanze riempitive di origine non animale, i cosiddetti fillers. In commercio esistono innumerevoli tipologie di fillers, riassorbili, non riassorbibili (permanenti) e semipermanenti. Queste ultime due categorie hanno una maggiore durata nel tempo, ma possono presentare delle reazioni avverse da intolleranza o da dislocazione, ragione per cui preferisco utilizzare sostanze di origine non animale, altamente compatibili, biologicamente degradabili, con un rapporto di sicurezza ed efficacia massimo.
Il filler a base di acido ialuronico è sicuro ed efficace e non necessita di test allergici al contrario del collagene per cui invece è necessaria una prova allergica almeno 1 settimana prima del trattamento.
L’acido ialuronico è una sostanza normalmente presente nel derma della nostra pelle che legandosi alle molecole di acqua conferisce ai tessuti morbidezza, elasticità ed idratazione e la sua quantità fisiologica è inversamente proporzionale all’età. Il prodotto iniettato viene degradato biologicamente da parte dell’organismo in un tempo variabile da pochi mesi ad un anno circa ed il grado di riassorbimento dipende dall’età, dalle caratteristiche genetiche cutanee, dal tipo di filler iniettato (a seconda della densità della molecola dell’acido ialuronico), dalla sede dell’impianto e dallo stile di vita.
Controindicazioni: ipersensibilità accertata verso uno o più componenti del prodotto; presenza di affezioni cutanee infiammatorie acute o croniche a livello della regione da infiltrare (eczemi, herpes, acne attiva); in presenza di malattie autoimmunitarie ed in stato di gravidanza presunta o certa.
Risultati: le rughe trattate sono subito visibilmente attenuate; il quadro clinico migliora nei giorni seguenti conferendo al volto ed al decolleté un aspetto fresco e curato.
I risultati non sono permanenti e durano per un periodo variabile dai 5 agli 8 mesi. Per un aspetto costantemente fresco è consigliabile ripetere il trattamento almeno 2 volte all’anno in modo da non far riassorbire del tutto il prodotto iniettato.
Complicanze: ematomi e piccole ecchimosi possono essere annoverate tra le complicanze temporanee dell’iniezione di fillers. Molto raramente si assiste a fenomeni di necrosi (morte) della cute correlata a trombizzazione dei vasi portanti in seguito all’impilamento delle molecole di acido ialuronico nel lume vasale principale.
Gli eventuali temporanei rossori od ecchimosi derivanti dal trattamento possono essere resi invisibili dal camouflage che eseguo direttamente subito dopo la procedura estetica utilizzando prodotti cosmetici ipoallergenici a base di acqua termale.